Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Ultim'ora

TARa cura di Monica La Pietra, Flaminia Ielo

 

Titolo

Alla Corte costituzionale la questione di legittimità della norma che riserva all’ordinamento sportivo le controversie aventi ad oggetto le sanzioni disciplinari sportive

Indicazione estremi del provvedimento annotato

T.A.R. Lazio, Sez. I ter, Sent., 11/10/2017, n. 10171

 

Massima

Il Tar del Lazio rimette alla Corte Costituzionale la questione di legittimità dell'art. 2, primo comma, lett. b), e secondo comma, del D.L. 19 agosto 2003, n. 220, convertito dalla l. 17 ottobre 2003 n. 280, come interpretati dalla stessa Corte, nella sentenza 11 febbraio 2011, n. 49, " nel senso che laddove il provvedimento adottato dalle Federazioni sportive o dal C.O.N.I. abbia incidenza anche su situazioni giuridiche soggettive rilevanti per l'ordinamento giuridico statale, la domanda volta ad ottenere non la caducazione dell'atto, ma il conseguente risarcimento del danno, debba essere proposta innanzi al giudice amministrativo, in sede di giurisdizione esclusiva", per contrasto con gli artt. 24, 103 e 113 Cost..

Secondo il Collegio, la negazione della giurisdizione amministrativo sulla domanda caducatoria proposta nelle controversie aventi ad oggetto sanzioni disciplinari sportive incidenti su situazioni giuridicamente rilevanti per l'ordinamento statale viola i principi di pienezza ed effettività della tutela giurisdizionale.

Keywords

Sanzioni disciplinari sportive, giurisdizione amministrativa, risarcimento del danno

Precedenti giurisprudenziali

Corte Cost., sent., 11 febbraio 2011, n. 49

Autore

Dott.ssa Flaminia Ielo


Scarica qui il testo completo in PDF