By continuing to use this site, you agree to the use of cookies.

You can find out more by following this link. Learn more

I understand

TAS/CASa cura di Maria Letizia Bixio, Matilde Ratti, Cristiano Novazio

Titolo

L’allenatore di calcio e la legge applicabile all’arbitrato sportivo internazionale

Indicazione estremi del provvedimento annotato

Decisione del Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) del 7 giugno 2018,  procedimento n. 2017/A/5402

Massima

I regolamenti FIFA non contengono disposizioni relative allo status di allenatore in generale, né tantomeno disposizioni inerenti la risoluzione di un contratto di lavoro tra club e allenatori.

Nel caso in cui una vertenza arbitrale posta alla cognizione del TAS coinvolga un allenatore, i regolamenti FIFA vengono integrati dalla legge di diritto svizzero ai sensi dell’art. 57, co. 2, dello Statuto FIFA.

Ai sensi dell’art. R58 delle regole di procedura contenute nel Codice dell’Arbitrato in materia di sport, le parti coinvolte in un procedimento avanti al TAS possono convenire sulla legge applicabile, che, comunque, sarà adottata in via sussidiaria rispetto ai regolamenti della relativa federazione internazionale.

L’accordo fra le parti per la legge applicabile non è soggetto ad alcun requisito formale e può essere frutto di un’intesa precedente, ovvero successiva all’instaurazione del procedimento arbitrale.

Keywords

arbitrato sportivo;  legge applicabile; allenatori

Norme di riferimento

Art. 57, co. 2, of the FIFA Statutes:

“Ai procedimenti si applicano le disposizioni del Codice dell’Arbitrato in materia di sport. Il TAS in via principale applica i vari regolamenti della FIFA e, in subordine, la legge svizzera”.

Art. R58 Procedural Rules of Code of Sports-related Arbitration:

“Il Collegio decide la controversia in base alla normativa applicabile e, in via sussidiaria, in base alle norme della legge scelta dalle parti o, in assenza di tale scelta, secondo la legge del paese in cui si trova la federazione, l’associazione o l’organo sportivo che ha emesso la decisione impugnata o, secondo le norme di legge che il Collegio ritiene appropriate. In quest’ultimo caso la decisione di applicare una determinata legge dev’essere motivata”.

Autore

Cristiano Novazio, Avvocato in Milano

 

Scarica qui il testo del provvedimento in PDF